+ Rispondi al Thread
Pagina 2 di 3 primaprima 123 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 11 a 20 su 21

Discussione: [Elettronica] - Fotocellula di prossimità: quale comprare e come utilizzarla

  1. #11
    Dev-01 non è in linea Scolaretto
    Post
    361
    Capisco cosa intendi.

    Le tue considerazioni sono tutte giuste.

    Resta da capire:
    a) il tipo di segnale che offre il relè usb e come leggerlo da programma;
    b) come interagire col plc in modo da ottenere i dati.

    Tuttavia credo che in entrambi i casi il programma debba essere eseguito di continuo poichè, a parte i conteggi, i dati potrebbero essere utilizzati (come conseguenza) per stabilire il tempo di fermo macchina; quest'ultima possibilità era proprio quella che mi aveva fatto propendere per la connessione diretta con la fotocellula.

    Comunque aggiungo che ogni linea avrebbe un pc connesso in intranet e dedicato sul quale eseguire unicamente questo programma e poco altro di non impegnativo (qualche file excel).

    Grazie per i consigli.

    Ciao.

  2. #12
    L'avatar di dragone bianco
    dragone bianco non è in linea Moderatore Globale
    Luogo
    Aosta
    Post
    7,708
    Il problema di fondo è che chi fornisce il dispositivo sicuramente avrà un suo software proprietario che non so' se è possibile interfacciare con altro
    quindi sarebbe meglio andare su qualcosa di opensource come Arduino (microcontrollore a basso prezzo)

    Ho finito le argomentazioni
    Penso che ora ti sei fatto un idea di cosa ti aspetta, spero di averti chiarito alcuni dubbi.
    Ora non ti resta che fare qualche ricerca su cosa offre il mercato su convertitori e sensori vari.

    Buon Lavoro
    Ciao
    Ultima modifica di dragone bianco; 18-09-2016 23:25 

  3. #13
    L'avatar di Max.Riservo
    Max.Riservo non è in linea Scolaretto
    Post
    483
    Quote Originariamente inviato da Max.Riservo Visualizza il messaggio
    ...
    Se superi i 10/20 pezzi/minuto dimenticati il PC .....
    Intanto comincio con il correggere un mio errore sull'unità di misura : intendevo pezzi/secondo ......

    Dev, hai parlato di parecchie cose nei tuoi post, però ho la sensazione che ancora non hai affrontato nell'interezza il problema (anche da un punto di vista economico).

    Provo a darti degli spunti.
    Scopo dell'applicazione :
    1 - Domestica / hobbystica
    2 - Studio
    3- Industriale

    Per 1 e 2 tendenzialmente dovresti basarti su ebay per i componenti per ovvi motivi economici e anche perchè non devi preoccuparti particolarmente di certificazioni CE, compatibilità EMC. In questo ambito prodotti come Arduino / Raspberry 2 dovrebbero andare bene.

    Se devi invece realizzare un'applicazione industriale (con industriale si intende che il luogo di installazione è soggetto a polvere, umidità, disturbi sulla rete di alimentazione, funzionamento in continuo per diverse ore al giorno se non addirittura h24) allora occorre pensare all'utilizzo di prodotti industriali.

    Per realizzare la tua applicazione occorre considerare i componenti della stessa :
    a) - sensore
    b) - hw per l' elaborazione del segnale proveniente dal sensore con eventuale comando di componenti dell'impianto
    c) - hw/sw per la visualizzazione / comando dell' impianto

    Per il punto a occorre valutare il sensore migliore riferito allo scopo dell'applicazione e qui sembra che tu abbia valutato un sensore di tipo ottico con (presumo) una uscita digitale (contatto pulito o transistor PNP / NPN).
    Non ho compreso bene cosa devi rilevare e soprattutto come pensi di installare il sensore rispetto all' oggetto da rilevare quindi mi riservo di darti ulteriori suggerimenti. Comunque questo catalogo di sensori industriali dovrebbe servirti come linea guida per capire meglio quale sensore utilizzare.

    Punto b. Nel campo industriale puoi trovare diverse 'taglie' di PLC (con taglie si intende il numero massimo di I/O gestibili dalla CPU).
    Generalmente i microplc (o relè programmabili) hanno alcuni ingressi digitali (normalmente 6), alcune uscite digitali o relè (tipicamente 4), sono leggermente espandibili con alcuni ulteriori I/O digitali, eventualmente possono gestire alcuni I/O analogici, possono avere una porta RS485 (con protocollo caratteri e/o Modbus) oppure una porta Ethernet con supporto al protocollo Modbus TCP/IP. Difficilmente hanno altro rispetto a quello che ti ho detto. Si possono programmare con il display onboard e/o con apposito sw generalmente gratuito. La programmazione avviene tramite 'ladder' e/o tramite una banale (e spesso limitata) logica booleana.
    Per micro PLC intendo questi prodotti :
    - Zelio
    - Logo
    - Alpha
    Le applicazioni tipiche sono per l'home automation e/o per piccole postazioni con 1/2 utenze (con utenze intendo motori / valvole / etc) nelle quali non è richiesta la supervisione (o comunque se viene richiesta è molto limitata).

    I PLC 'veri' hanno ovviamente caratteristiche superiori in termini di n° di I/O supportati, di bus di campo, di prestazioni della CPU, di ingressi d conteggio (gli ingressi standard sono per frequenze di max 10/20 Hz), etc... Ovviamente aumenta il costo, l' ambiente di sviluppo potrebbe essere a pagamento.
    Alcuni prodotti :
    - m340/
    - simatics7-1200
    - Per restare in Italia ....

    Potresti anche optare per schede dedicate da inserire dentro un PC oppure per degli I/O remoti da interfacciare al PC tramite rete Ethernet / RS485 / USB
    - National Instruments I/O + Labview
    - ADAM serie 6000

    Punto c
    Questo è il vero punto debole del sistema (se installato in ambito industriale). Se pensi di utilizzare un PC (anche solo per la visualizzazione, delegando l'acquisizione ad un PLC / hw dedicato), devi comunque mettere nel conto che l' ambiente (industriale) gioca a tuo sfavore e quindi è fortemente consigliato utilizzare PC Industriali (fanless, con SSD e con monitor touch) : sii preparato al costo !
    - [URL="http://www.advantech.com/products/panel-pc/sub_1-2jkog1"]Advantech Panel PC/URL]
    Un' altro fattore debilitante per i PC è il sistema operativo che, non essendo RealTime, potrebbe darti dei problemi (sai che goduria quando devi comandare un impianto e scopri che c'è un aggiornamento del sistema che ti blocca tutto - ovviamente questo è un caso estremo e normalmente è gestibile impedendo gli aggiornamenti automatici comunque occorre tenerne conto).

    Questo è quanto potevo consigliarti .... se hai altre news scrivi.

  4. #14
    L'avatar di Max.Riservo
    Max.Riservo non è in linea Scolaretto
    Post
    483
    Ho dimenticato di dire che se hai diverse linee da automatizzare / controllare, occorre anche decidere l' architettura del sistema (ovvero 1 PLC per linea o 1 PLC per tutte le linee, la distanza tra le varie linee per le connessioni elettriche, l' eventuale bus di campo, eventuali postazioni operatore).

  5. #15
    Dev-01 non è in linea Scolaretto
    Post
    361
    Ciao e grazie per tutte queste informazioni.
    I pezzi non dovrebbero superare i 200 al minuto.
    Per quanto riguarda l'architettura parliamo di un pc per linea che poi invia i dati tramite socket ad un pc che fa sia da server db che da monitor globale per la visualizzazione dei dati.

    I pc di linea non disterebbero più di 2/20 metri dal punto di rilevamento dei pezzi.
    Per quanto riguarda la composizione dei pezzi io ho preso in considerazione scatole o confezioni di cartone anche con stampa lucida o rivestite di nylon trasparente; probabile la presenza di etichette per il controllo (da altro sistema) di eventuali codifiche tramite rilevamento immagine ed estrapolazione dati con l'ausilio di ocr sotto illuminazione "controllata" (sempre uguale e con lampada dedicata).

    Non mi viene in mente altro al momento anche perché si tratta di un'idea nata dalle linee che ho visto in funzione; vorrei tuttavia realizzare in prima fase un sistema di studio... anche per fare esperienza e valutare diversi approcci/soluzioni.

    Le problematiche del vetro sono legate alla rifrazione?

    Grazie 1000.

  6. #16
    L'avatar di dragone bianco
    dragone bianco non è in linea Moderatore Globale
    Luogo
    Aosta
    Post
    7,708
    Ciao

    Adesso devi affrontare la questione tecnica

    Alcune considerazioni su alcune tue affermazioni:
    Hai detto 200 pezzi al minuto che equivale ad 1 pezzo ogni 0.3 Secondi

    Devi avere sensori rapidi che non abbiano latenza (tempo di attesa per elaborare lo stato deve essere poco elevato)
    PLC per rilevare i dati (Come già affermato da MAX.Riservo) a causa della velocità dei pezzi

    Se fossero scatole devi determinare se tra una e l'altra che dello spazio
    Il sensore infrarossi funziona sull'interruzione di un fascio di luce e per tutti i sensori formato da 2 elementi
    se sono attaccate devi trovare un sistema per cui il sensore determina il passaggio della scatola, a riconoscere una scatola dall'altra

    Consiglio:

    devi conoscere il funzionamento del sensore che intendi usare
    queste sono le domande che ti devi porre (spero di averle elencate tutte)
    • Il sensore come determina il passaggio dell'aggetto?
    • Su quali materiali può essere usato?
    • Tempo di risposta al cambio stato?
    • a quali disturbi è soggetto? (es: luminosità del posto, vibrazioni, rumore, materiali adiacenti)
    • Tipo di alimentazione? (Batteria, tipo di tensione e valore), se devi inserirlo su un sistema già esistente userai l'alimentazione già presente se possibile o altrimenti devi mettere devi alimentatori per avere la tensione neccessaria
    • Tipo di interfaccia con altri dispositivi? (Segnale 0-5v - Contatto rele - hardware specifico fornito dalla casa madre)

    Ciao

  7. #17
    Dev-01 non è in linea Scolaretto
    Post
    361
    Eh, su queste cose debbo informarmi bene perché vorrei realizzare un sistema quanto più scalabile possibile in merito ad eventuali ambienti/disturbi...

    credo che chiederò ad un conoscente ingegnere che lavora da anni in un'azienda che produce macchinari industriali, non l'ho fatto subito per due motivi:

    1) Non mi piace infastidire/impegnare le persone (vabbè, qui il forum è apposito);

    2) In prima analisi ero quasi convinto del fatto che bastasse rilevare lo stato del relè (i pezzi sarebbero al massimo 200, ma proprio esagerando, in genere si viaggia dai 15 ai 60) dalla porta usb per poter effettuare le operazioni che mi servono.

    Però la faccenda si complica... sbagliavo palesemente.

    Nel frattempo grazie a tutti per la collaborazione, in caso di messa in cantiere vi aggiornerò/chiederò aiuto in seguito.

  8. #18
    L'avatar di Max.Riservo
    Max.Riservo non è in linea Scolaretto
    Post
    483
    Ciao Dev,
    in questo periodo sono super-impegnato, quindi riesco a seguire poco le attività 'extra-lavorative'.
    Se sei comodo a passare dalle mie parti (Torino), possiamo magari affrontare il discorso con un briciolo di calma (e di attenzione) da parte mia.

    Ciao

  9. #19
    Dev-01 non è in linea Scolaretto
    Post
    361
    Ti ringrazio per l'offerta Max... sei gentililssimo.

    Intanto vorrei capire quanto la situazione sia al di fuori della mia portata attuale... realizzare un'applicazione realmente valida in questo frangente applicativo richiederà sicuramente tempo.

    Purtroppo anche io sono molto preso dal lavoro e credo non se ne parli prima di un paio di mesi (nel frattempo cercherò di approfondire il più possibile l'argomento); spero di non mancare sebbene parta da quel di Verona... ti incontrerei con piacere, fosse stato anche solo per un caffè.

    Grazie ancora per la tua disponibilità.

  10. #20
    L'avatar di Max.Riservo
    Max.Riservo non è in linea Scolaretto
    Post
    483
    Ciao Dev,
    resta difficile dire quanto l' applicazione sia al di fuori della tua attuale portata .... non sapendo cosa hai già (eventualmente) realizzato.
    Posso consigliarti, se ne hai l' occasione, di andare anche a farti un giro nelle fiere del settore : Parma - SPS, Verona - SAVE

    Non è escluso che se riesco a ritagliare una giornata di 'ferie' un salto a Verona lo faccia (anche se le probabilità sono molto basse).
    L' SPS di Parma è una bella fiera del settore ma devi attendere Maggio 2017.

    Per l' incontro, fatti sentire quando pensi di avere tempo, se riusciamo a far combaciare gli impegni, ben volentieri.

+ Rispondi al Thread
Pagina 2 di 3 primaprima 123 ultimoultimo

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi